Inglese americano o Inglese britannico?

Le principali differenze tra le due varianti della lingua inglese

Studiando l’inglese, si sente spesso dire che ci sono grandi differenze tra la variante britannica e quella degli USA, ma sapreste dire quali aspetti linguistici vengono interessati e in quale misura?
Esistono infatti differenze di natura ortografica, lessicale, fonetica, morfologica e grammaticale.

Le divergenze ortografiche sono quelle forse più visibili: alcuni termini hanno infatti una grafia diversa, ed è per questo motivo che alle volte ci sorge il dubbio se si debba scrivere center o centre: il primo termine rispetta la grafia preferita in inglese americano, il secondo quella dell’inglese britannico. Vediamo alcune differenze piuttosto lampanti:

  • alcune parole che in inglese britannico terminano in -tre, nell’inglese americano terminano invece in -ter (ad esempio: theatretheater);
  • alcune parole che in inglese britannico terminano in -our, nell’inglese americano terminano in -or (ad esempio: colourcolor);
  • alcune parole che in inglese britannico terminano in -ise, nell’inglese americano terminano in -ize (ad esempio: organiseorganize);
  • alcune parole che nell’inglese britannico raddoppiano la lettera finale se seguita da desinenza,

nell’inglese americano restano invariate (ad esempio: travellertraveler).

Ma le differenze lessicali sono le più caratterizzanti, tanto da divergere completamente, come ad esempio:

Inglese americano / Inglese britannico

Band-aid / Plaster = cerotto
Can / Tin = lattina
Candy / Sweets = caramelle
Check / Bill = conto
Closet / Wardrobe = armadio
Cookie / Biscuit = biscotto
Elevator / Lift = ascensore
Eraser / Rubber = gomma
Fall / Autumn = autunno
Backyard / Garden = giardino
Gas / Petrol = benzina
License plate / Number plate = targa
Line / Queue = coda
Mom / Mum = mamma
Pacifier / Dummy = ciuccio
Pants / Trousers = pantaloni
Parking lot / Car park = parcheggio
Period / Full stop = punto
Pharmacist / Chemist = farmacista
Rent / Hire = noleggiare
Couch / Sofa = divano
Vacation / Holiday = vacanze

assimil_candy_american english

A queste evidenti differenze lessicali si affiancano altrettanto evidenti differenze fonetiche. Il tratto più riconoscibile è la pronuncia della r, molto più forte negli Stati Uniti e quasi assente in Inghilterra. Un inglese tenderà a non pronunciarla laddove un americano tenderà a marcarla. Si tratta della cosiddetta “r rotica”, molto diffusa nell’Inghilterra del 1700 e preservata oltreoceano, dove la lingua ha poi iniziato un’evoluzione autonoma.

Un altro tratto distintivo che non si può fare a meno di notare è la minore presenza, negli Stati Uniti, della “broad A”. In pratica, gli statunitensi pronunciano il fonema in modo più chiuso, ossia /æ/, laddove un inglese utilizzerebbe /a:/. Per approfondire questo tema, potrete fare riferimento al nostro corso di inglese americano.

Le differenze morfologiche probabilmente sono quelle che un occhio inesperto noterà di meno. Negli Stati Uniti, ad esempio, si utilizzano spesso i sostantivi in qualità di verbi: friend > to friend = aggiungere qualcuno alle proprie amicizie sui social, pressure > to pressure = fare pressioni, room > to room (with somebody/together]) = condividere una stanza o un appartamento con qualcuno, workshop > to workshop = elaborare e migliorare congiuntamente ecc.

Anche la tendenza americana a dare origine a parole composte è molto caratterizzante: teenager (che non ha bisogno di spiegazioni), ballpark = campo da baseball, cookout = barbecue all’aperto, touchdown = atterraggio (di velivoli), wastebasket = cestino della spazzatura ecc.

Esistono anche differenze grammaticali? Ebbene sì, per esempio, i verbi sono concordati in modo diverso con i nomi collettivi: l’inglese americano preferisce il singolare (Our team is playing very well this year) mentre l’inglese britannico utilizza il plurale (Our team are playing very well this year). A volte le proposizioni vengono usate in modo diverso e cambiano persino i tempi passati di alcuni verbi irregolari.

assimil_flat_american english

Ma quali sono le cause per cui negli Stati Uniti si parla una lingua differente a tutti questi livelli?

Negli USA, ovviamente, si parla inglese a seguito della massiccia colonizzazione britannica avvenuta nel XVIII secolo. All’epoca, nel Nord America venivano parlate molte lingue a causa della presenza di coloni provenienti da tutta Europa: spagnoli, olandesi, francesi, tedeschi e così via, senza dimenticarci naturalmente dei nativi americani.

Paradossalmente, fu proprio con la Dichiarazione d’Indipendenza degli Stati Uniti d’America, proclamata nel 1776 dopo la sanguinosa guerra con la Gran Bretagna, che l’inglese iniziò a diffondersi. Seguì l’occupazione di tutto il suolo degli attuali Stati Uniti, dove la lingua inglese finì per prevalere. Nel corso del secolo precedente, Il contatto con il francese, l’olandese, lo spagnolo ecc. ebbe come naturale conseguenza il fenomeno del prestito linguistico, ossia l’adozione di vocaboli appartenenti ad altri idiomi.

Probabilmente, la comunità più influente a tale proposito fu proprio quella dei nativi americani. Il distanziamento dall’inglese di origine avvenne inevitabilmente attraverso due strade diverse: l’evoluzione indipendente della lingua sul suolo americano e il prosieguo dell’evoluzione della lingua sul suolo britannico. In questo modo, non soltanto oggi è possibile incontrare negli Stati Uniti termini del tutto nuovi rispetto alla lingua originaria, ma possiamo anche trovarvi elementi immutati rispetto all’inglese del XVII e del XVIII secolo che paradossalmente non sono più in uso nell’inglese britannico contemporaneo!

 

VIDEO
RECENSIONI

Giulia Zangerle

Ritengo che sia il miglior corso di lingue per autodidatti sul mercato. Il mio livello C1, raggiunto con l’inglese e il francese, senza dubbio alcuno deve molto ai corsi base e di perfezionamento! Grazie mille, per il servizio e la sempre cortese professionalità offerta

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI