5 cose alternative da fare in un weekend a Parigi

Se andate spesso a Parigi per studio o lavoro conoscerete già i luoghi più noti. Ve ne consigliamo 5 un po’ più insoliti, ma imperdibili

La magnifica vista sull’intera città dalla Tour Eiffel, le passeggiate sul viale degli Champs Elysées, le magnifiche vetrate della cattedrale di Notre Dame, il tramonto a Montmartre, i bateaux ristoranti sulla Senna, come poteva Parigi non essere considerata la città romantica per eccellenza?

Chi visita la capitale francese non può perdersi per niente al mondo i luoghi appena elencati, mete irrinunciabili che si trovano descritte tra le prime pagine di ogni guida turistica. Ma a chi, per motivi di lavoro o anche di studio della lingua, viaggia tanto e conosce già di Parigi i luoghi più noti, vogliamo consigliare 5 luoghi un po’ fuori dai giri più comuni. Seguite il percorso che abbiamo pensato per voi, potrebbe essere un’idea per un weekend parigino alternativo.

Siete pronti?

Prima tappa. Sveglia al mattino presto per raggiungere un luogo tipicamente parigino, ma un po’ lontano dalle più note attrazioni del centro città. Se vi piacciono gli oggetti insoliti, dallo stile vintage, e volete portare con voi dal viaggio degli originali souvenir, vi consigliamo Les puces de Saint-Ouen, il mercato delle pulci parigino più grande della città. Questo luogo è stato protagonista di una scena del celebre film Midnight in Paris di Woody Allen. I due protagonisti, Marion Cotillard e Owen Wilson, erano alla ricerca di un oggetto di antiquariato. Quale luogo migliore di questo? 2.500 bancarelle tra cui scegliere vestiti, libri, dischi, mobili, oggettistica, specchi, dipinti, antiquariato, fotografie. Scatenate la vostra fantasia. Pronti a perdervi?

Camminare tra le bancarelle di un mercatino è tanto bello quanto stancante. Una sosta diventa necessaria. Perché allora non fare pausa in un luogo dove oltre all’appetito culturale si può soddisfare anche quello enogastronomico? Vi consigliamo allora il Musée du Vin, a pochi minuti a piedi dalla Tour Eiffel, un luogo dove potrete ripercorrere la storia di uno dei prodotti più antichi ed eccellenti della cultura francese.

Il museo ha una struttura molto particolare perché è stato allestito in vecchie cave calcaree usate come cantine dai monaci di un’abbazia del Quattrocento (distrutta durante la Rivoluzione Francese). Questo luogo trasmette la passione per l’antica tradizione vinicola e inoltre organizza, per tutti gli appassionati, corsi di degustazione, serate a tema, conferenze e visite guidate. Al termine della visita, è possibile sedersi a tavola e degustare il nettare delle eccellenti bottiglie.

Quasi senza accorgervene sarà arrivata l’ora di cena. Prima di sedervi finalmente in un elegante ristorante parigino, vi consigliamo di spostarvi per una breve passeggiata nel cuore della vecchia Parigi, nei dintorni di Notre Dame. Seguendo la curva della riva meridionale della Senna, a monte dell’Île de la Cité, vi imbatterete in un luogo molto suggestivo che vi consigliamo vivamente di visitare, è l’Institut du monde arabe.

L’Istituto è un luogo pensato come punto di incontro tra la cultura araba e quella occidentale e dove hanno luogo conferenze ed eventi su cinema, letteratura, musica, arte e tanto altro. La particolarità di questo luogo è nella facciata meridionale composta da 240 pannelli in alluminio e vetro dal design che si ispira ai motivi geometrici ornamentali dei moucharabieh, caratteristici paraventi di origine araba. Attivati da fotocellule, i fori nei pannelli si aprono e si chiudono regalando spettacolari giochi di luce.

Non perdete la terrazza al nono piano: si può godere gratuitamente di una delle più belle viste di Parigi.

Una bella dormita ed è subito domenica. Se non soffrite di vertigini, non perdete in mattinata l’opportunità di ammirare la città dell’amore da una prospettiva più unica che rara. Nel parco André Citroën avrete la possibilità di salire a bordo di una colorata mongolfiera: il Ballon de Paris. A più di 150 metri di altezza, Parigi sarà letteralmente… ai vostri piedi.

Il weekend sta per chiudersi e i vostri piedi ne avranno avuto già abbastanza. È ora di prendere posto in uno dei locali più spettacolari di Parigi. Il nome, Kong Bar, è semplice da ricordare e difficilmente dimenticherete anche la giornata che vi trascorrerete. Si trova su una veranda all’ultimo piano del Palazzo Kenzo ed è stato progettato dell’archistar frances   e Philippe Starck. Lasciatevi stupire dallo stile degli arredi, tutt’altro che minimalista, e dalla vista mozzafiato sulla città e godetevi Parigi comodamente seduti davanti al vostro cocktail.

I fan di Sex & The City troveranno questo posto stranamente familiare! Vi è stato girato un celebre episodio.

VIDEO
RECENSIONI

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI