Piove!

Piove su mezza Italia, qui a Milano nelle pozze d’acqua si riflette un cielo grigio e nuvoloso e mentre sto andando al lavoro cercando di trattenere l’ombrello a causa del vento, mi rendo conto di essermi vestito come l’ultima volta che sono stato a Londra.

Faccio parte di quelle persone che quando pensano a Londra pensano alla pioggia, odiosa, fine fine, ininterrotta. Ed ecco che mi scopro, fermo davanti ad una vetrina a guardare il mio trench! Trench o impermeabile?

La storia direbbe “trench coat” ovvero cappotto da trincea, perché il famoso e intramontabile capo d’abbigliamento nacque proprio con lo scopo di proteggere i soldati inglesi in trincea dalle intemperie.

Un capo versatile, impermeabile in grado di mantenere asciutti e protetti dal vento.

Nasce a Manchester nel 1824 da un invenzione di Charles Macintosh, quindi la paternità è sicuramente inglese e di Charles, anche se onestamente devo ammettere che in molti continuiamo “impropriamente” a chiamarlo il Burberrys, che allo stesso modo e nello stesso periodo stava lavorando alla realizzazione del “suo” trench coat.

Ma diciamoci la verità, fa molto più fighetto dire “oggi indosso il mio Burberrys” piuttosto che “il mio Macintosh”, passerei da fashion e geek in un lampo (mai frase fu più adeguata alla giornata odierna).

La moda lo ha portato fino a noi, o meglio, fino a me che non ho resistito a comprarne uno direttamente a Londra pagandolo un occhio della testa.

Quanto me la sono tirata col mio Burberrys inglese.

Ed eccoci ancora qui, ancora insieme sotto un cielo plumbeo a ripensare a Londra…

Nonna diceva “chi più spende meno spende” aveva ragione.

VIDEO
RECENSIONI

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI