I 5 più falsi e diffusi stereotipi sui francesi

I francesi puzzano e non parlano mai inglese, nemmeno quando conoscono la lingua? Scopriamo se le cose stanno davvero così!

I francesi puzzano e non parlano mai inglese nemmeno quando lo conoscono! Questi sono due dei più diffusi stereotipi del popolo che vanta la città più romantica del mondo (un altro cliché, ammettiamolo!). Benché quel che si dica di certe popolazioni spesso si riveli vicino alla verità, la realtà è sempre un po’ diversa.

Così, per tutti voi che avete studiato o state studiando il francese con la Collana Senza Sforzo di Assimil o state migliorando questa lingua con la Collana Perfezionamenti o le Guide di Conversazione, abbiamo raccolto 5 dei più diffusi falsi stereotipi sui francesi per provare a raccontarvi come stanno realmente le cose.

1. Le donne francesi non si depilano
È una falsità. Le donne francesi tengono molto al proprio aspetto, più delle donne di altre nazionalità, e depilarsi è considerato essenziale. Il movimento “nature” non ha origine in Francia e non è parte della sua cultura, anzi… Dopo la seconda Guerra Mondiale le aziende americane produttrici di creme depilatorie iniziarono a espandere il proprio mercato oltreoceano e, dunque, a spingere con successo  lo stile “fur-free” (senza peli). Anche in Francia! Lo dimostra uno studio di dieci anni fa: secondo il sondaggio quasi l’80% delle donne francesi considera la depilazione un’operazione fondamentale per la cura della propria persona.

2. I francesi non parlano mai inglese
Si dice che i francesi siano riluttanti a parlare in inglese e che i turisti che visitano la Francia siano spesso preoccupati di non riuscire a farsi comprendere o di non ricevere indicazioni utili in caso di necessità. Quest’idea è in parte falsa. Per strada può capitare di incontrare molti francesi maldisposti quando si vedono costretti a parlare un’altra lingua, ma generalmente è raro avere problemi quando si visitano i luoghi turistici più importanti del Paese. Contrariamente a ciò che si crede, i francesi non rifiutano di parlare inglese perché odiano gli americani (un altro stereotipo falso), piuttosto li terrorizza parlare una lingua che non conoscono perfettamente e che non sono soliti parlare. Tutta una questione di insicurezza, insomma!

3. I francesi puzzano
I francesi non sono ossessionati dall’igiene come altre popolazioni, questo è un dato di fatto confermato da ricerche statistiche. Tuttavia è raro incontrare un francese dall’odore sgradevole (o per lo meno è probabile tanto quanto incontrare un italiano dall’odore poco invitante). Lo stereotipo ha un’origine effettivamente storica e risale al tempo in cui  i francesi coprivano l’odore del proprio corpo con grandi quantità di profumo. Si parla però di un passato remoto, un tempo in cui osservare una buona igiene personale era un’abitudine poco diffusa un po’ ovunque. Inoltre, nei secoli passati, in Francia come in tanti altri Paesi, lo stato delle abitazioni, le possibilità economiche e perfino gli spazi a disposizione non permettevano a tutti di avere una vasca, una doccia o addirittura il bagno in casa. Con risvolti non proprio positivi per il decoro personale.

4. I francesi sono pigri
Si dice che siano i più pigri al mondo, probabilmente perché amano scioperare! Eppure, secondo il The Economist, è la popolazione canadese quella che sciopera più frequentemente. Detto ciò, è effettivamente vero che i francesi lavorano poco: con 1.453 ore all’anno di lavoro sono uno dei paesi più pigri in questo senso, ma è ingiusto stereotiparli come i più indolenti. I tedeschi e i norvegesi, per esempio, lavorano molte meno ore.

5. I francesi si lamentano sempre
A proposito di scioperi, ecco un altro stereotipo che nasce in parte da qui: i francesi non fanno che lamentarsi. In fondo, sono stati proprio loro i primi a innescare la prima vera rivoluzione della storia occidentale, proprio perché insoddisfatti della loro condizione. E proprio qui sta la verità: i francesi sanno che se non ci si lamenta e non si combatte per ciò che non piace, allora non ci sarà mai un cambiamento. I francesi non hanno paura di battersi e di dire la loro quando qualcosa li rende infelici e questo viene sempre interpretato come un costante lamentarsi.

Allora, tutto sommato… Vive la France!

VIDEO
RECENSIONI

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

Alessandro Zangrilli

Sono un “assimilista” di vecchia data e ancora ricordo il tempo, nemmeno troppo lontano, in cui per chi volesse imparare una lingua diversa dalle solite (inglese, francese, tedesco e spagnolo) c’era solo Assimil che a Roma trovavo alla Feltrinelli di P.zza della Repubblica. Oggi con Internet sembra tutto più accessibile ma, a mio avviso, i corsi Assimil rimangono ancora ineguagliabili…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI