Do you speak itangliano?

C’è chi parla italiano con un sacco di anglicismi. O inglese con un po’ di italianismi…

Curioso il fenomeno della commistione italiano-inglese! Le due lingue si sono scambiate nel tempo delle parole, naturalizzandole nel passaggio. Il termine itangliano è stato coniato per indicare un italiano caratterizzato dalla massiccia presenza di anglicismi.

Negli ultimi decenni il bacino d’utenza passiva e attiva dell’inglese è andato ampliandosi per cause diverse: una maggiore presenza nei programmi scolastici, una maggiore esposizione al suo uso per turismo e relazioni sociali, una larga diffusione di TV satellitari, Internet e nuove tecnologie. Ciascuno di questi settori ha portato, accanto ai grandi cambiamenti sociali, il proprio contributo lessicale: i film si vedono al Warner [Village], ai convegni ci si interroga sulla funzione pedagogica dei social network, gli studenti imparano laptop alla mano, cercando i migliori punti wireless, e nel tardo pomeriggio ci piace concederci un’happy hour.

Quando salviamo un file parliamo due volte itangliano: non solo impieghiamo la parola file invece di documento, ma anche il senso di “archiviare”, prima sconosciuto a salvare, lo stiamo in realtà mutuando da quello inglese di to save. Ci sono poi delle parole inglesi che vengono impiegate in modo diverso rispetto alla loro origine. Per non incappare in errori grossolani, quali chiedere dov’è un camping (che si dice campsite), ricevendo uno sguardo confuso e una risposta che mal interpreteremmo come sgarbata, qui di seguito una breve lista con accanto la vera parola comprensibile e usata da un britannico.

un camping = a campsite
un flipper  = a pinball machine
un living = a living room, sitting room
un planning = a schedule
uno smoking = a dinner suit, dinner jacket
un golf = a pullover
uno stage* lavorativo = a work experience, internship

Le dinamiche del prestito interlinguistico sono duali e anche l’italiano ha fornito molte parole all’inglese, soprattutto negli ambiti in cui eccelliamo, quali la cucina (basti pensare a tutti i prodotti o ricette tipiche, quali pasta, pizza, mozzarella, ravioli, pesto, cappuccino ma anche a espressioni quali “al dente”), l’architettura e le arti in genere (a cappella, allegro, adagio, tempo, pizzicato, biennale, terracotta, scenario), la medicina (abbiamo incontrato influenza). Ma anche l’inglese ha dei meccanismi di storpiatura e quindi alcune parole mutuate dall’italiano hanno assunto un significato diverso.

agenda = programma del giorno
camera = macchina fotografica
latte = latte macchiato in tazza alta
pep(p)eroni = pizza al salame piccante

Sappiamo che le lingue sono in costante evoluzione e quindi anche in costante contaminazione: orecchie e occhi ben aperti!

* stage [steiǧ] in inglese significa “palco”, l’italiano in questo contesto fa ricorso al sostantivo francese “stage” [staž]

VIDEO
RECENSIONI

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI