Ale, bitter o lager?

Nei pub inglesi è vietato ordinare semplicemente one beer: bisogna avere le idee chiare!

Waitress: Can I help you?
John: A pint of bitter, please. And have you got any crisps?
Waitress: Sure. What flavour? I’ve got salt and vinegar, cheese or curry.
John: Er, no thanks. Just the beer.

A pub (contrazione di public house, casa aperta al pubblico) è molto più di un semplice spaccio di bevande. Il pub è certamente un luogo in cui si beve, si mangia e si gioca (a freccette, biliardo ecc.), ma è anche un punto di ritrovo, un luogo di incontro e di svago, quasi un club.

Spesso i pub hanno dei nomi che evocano una storia antica e avvincente (The Red Lion, Il Leone Rosso, The George and Falcon, George e il Falcone ecc.) o mettono in gioco uno spiccato senso dell’umorismo (The Honest Politician, L’Uomo Politico Onesto). I rigidi orari di apertura, imposti durante la Prima Guerra Mondiale e in seguito rimasti tali, hanno per lungo tempo reso vita difficile alla clientela, ma oggi appartengono al passato.

Negli anni ’90 si è deciso di liberalizzarli, dando così notevole impulso all’attività di questi locali. Alcuni pub si sono fatti un nome anche grazie alla qualità eccellente della loro cucina, tanto che oggi li si chiama gastro-pub. Tuttavia, il numero di locali indipendenti è in declino; la maggior parte dei pub appartengono ormai alle grandi catene. Può questo dato indicare forse la fine di una tradizione artigianale?

Al pub ovviamente si beve beer, la birra, una delle due bevande nazionali britannniche, l’altra è il tè. Già nel 361 d.C. l’imperatore romano Giuliano si riferiva agli inglesi chiamandoli “figli del malto”! La birra inglese gode, a volte e ingiustamente, di una cattiva reputazione tra gli stranieri; ricordiamo, per esempio, il noto commento che la definisce “birra tiepida”. In realtà, gli inglesi bevono tradizionalmente la ale, una birra rossa molto luppolata e ad alta fermentazione (contrariamente alle birre bionde che sono a bassa fermentazione). Più alcolica delle bionde, la ale si beve a temperatura ambiente. Ogni pub serve diverse qualità di ale, la più comune delle quali è la bitter (lett. amara). Le birre bionde, altrettanto apprezzate, sono conosciute con il termine generico di lager [la:Gǝr], parola di origine germanica. La birra si serve in un boccale chiamato pint (una pinta equivale a 0,568 litri) o in half-pint (mezza pinta).

Attenzione: non si ordina mai semplicemente “una birra” in un pub. È come se in una nostra osteria qualcuno ordinasse “un bicchiere di vino”. Si deve prima specificare la quantità, poi il tipo di birra e di solito anche il nome del produttore o la marca.

Cheers!, Alla salute!

VIDEO
RECENSIONI

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI