Cosa dire quando… si inizia o si finisce un pasto in Giappone

Una delle più importanti tradizioni del Sol Levante è quella legata alla cucina…

Il Giappone ha una cultura antichissima tutt’oggi viva – basti pensare alla cerimonia del tè, al teatro Kabuki, all’arte della Geisha – pur avendo subìto durante i secoli influenze da ogni parte del mondo, fino a combinarsi in una cultura originale e preziosa basata sul contrasto tra occidentale e tradizione nipponica.

Una delle più importanti tradizioni del Sol Levante, rispettate in ogni comunità e famiglia giapponese, è quella legata alla cucina. La tradizione culinaria del Giappone non riguarda esclusivamente il cibo, le ricette e la loro preparazione, ma anche il rituale formale da seguire prima e dopo i pasti.

In giapponese “pasto” si dice gohan (studia il giapponese con Assimil!), che letteralmente si riferisce al “riso al vapore”: il piatto ha un’importanza tale nella cucina che, come una sorta di sineddoche, gohan ha finito per significare tutti i tipi di pasto.

Prima di qualsiasi gohan, le buone maniere giapponesi impongono che si dica itadakimasu, una parola che deriva dal verbo itadaku, un modo umile di dire “mangiare e ricevere” che pare abbia origine dall’usanza di ricevere un regalo da una persona di rango superiore abbassando la testa per mostrare apprezzamento e rispetto.

assimil_giappone2

Itadakimasu letteralmente significa: “Sto per ricevere la vostra vita perché diventi la mia stessa vita” e con vostra ci si riferisce alla vita degli animali e dei vegetali. Itadakimasu ha infatti due significati: da un lato è il ringraziamento rivolto alle persone coinvolte nel pasto e non necessariamente presenti, come chi l’ha preparato, chi ha coltivato le verdure o chi ha pescato il pesce. Dall’altro lato, si elogiano gli ingredienti, poiché nella tradizione giapponese anche frutta e verdura hanno vita, proprio come gli animali. Pronunciare itadakimasu, quindi, esprime la consapevolezza di quanto è stato sacrificato di Madre Natura perché il pasto fosse possibile.

La parola viene pronunciata quando il pasto è servito e tutti sono accomodati e pronti a mangiare. Spesso e volentieri, un giapponese in visita in occidente rimane negativamente sorpreso dalle nostre abitudini a tavola. In Italia, per esempio, nonostante molti dicano erroneamente* “buon appetito”, spesso e volentieri non solo si dà inizio a un pasto senza proferire parola, ma, soprattutto in famiglia, si inizia non appena il piatto è servito anche se non tutti hanno la pietanza o sono già accomodati.

assimil_giappone

Goshisosama o gochisosama deshita, nella versione più formale, è invece la parola da pronunciare una volta terminato il pasto. In Italiano equivale a ringraziare con “era tutto delizioso” o  “grazie per il pasto”, poiché la parola gochiso si riferisce a banchetto, cibo sfarzoso o a ottimo pasto. Come per itadakimasu, anche per goshisosama ne viene insegnato l’utilizzo fin da bambini e viene utilizzato in momenti diversi in base a dove si è consumato il pasto: se si è a casa di amici o in famiglia, si pronuncia goshisosama quando si è certi di non mangiare più nemmeno un boccone; se si è al ristorante, lo si indirizza invece al personale dopo aver pagato il conto.

Per concludere, ecco quattro frasi molto comuni che potreste voler pronunciare durante un pasto in Giappone:

Okawari = Ne vorrei ancora, per favore (se chiedete una seconda porzione, fate attenzione a non lasciare nulla nel piatto, è giustamente considerato maleducato)
Oishii = Il cibo è delizioso
Kekkou desu = No, grazie
Onaka ga ippai = Sono pieno


* Erroneamente secondo l’Accademia Italiana Galateo: si dovrebbe infatti iniziare il pasto in silenzio perché, per gli aristocratici, la tavola era un’occasione per conversare e creare alleanze, non per riempirsi lo stomaco; il cibo era solo una scusa, e non si dava mai l’impressione di essere affamati o di partecipare al pasto con l’obiettivo primario di mangiare.

VIDEO
RECENSIONI

l.castrogiovanni@campus.unimib.it

Ho ormai finito da qualche giorno il metodo di greco moderno che proponete in catalogo. Ho seguito il corso nella sua interezza, compreso di supporto audio che ho potuto facilmente trasferire sul mio cellulare in modo tale da avere sempre a portata di mano le lezioni. Devo dire di avere ottenuto notevoli risultati in poco tempo: tutti i miei amici greci sono rimasti stupiti, mentre quelli che non mi conoscevano mi hanno scambiato addirittura per un greco inizialmente. Per questo vi ringrazio di cuore del lavoro svolto su questo manuale, che consiglio vivamente a tutti i miei amici!

Fabio Enrico

Sono arrivato a Parigi, senza conoscere una sola parola di Francese. Assimil Book è il miglior libro attualmente sul mercato, mi ha permesso davvero di raggiungere un livello B2, semplicemente dedicando dieci minuti al giorno. E ora inizieró quello di Tedesco!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui temi e le curiosità legati al mondo delle lingue

I PIÙ LETTI